Uso dei dispositivi personali a lavoro: un rischio per la sicurezza informatica

Il lavoro agile o “smart working” ha permesso di poter svolgere la propria mansione ovunque, non necessariamente nella sede aziendale e, soprattutto, di poter utilizzare i dispositivi personali (computer, tablet e smartphone) per portare a termine i compiti assegnati. Questo nuovo sistema di lavoro viene chiamato dagli americani Byod acronimo di "Bring your own device" ovvero “Porta con te il tuo dispositivo”. L’obiettivo primario per le società piccole, medie e grandi è quello di ridurre i costi. Ma siamo sicuri che l’utilizzo dei dispositivi personali per svolgere la propria mansione sia l’optimum? La verità è che il Byod ha dimostrato di essere un generatore di “buchi”, ovvero spazi che creano un facile accesso per gli hacker. La prima perplessità è che le società abbiano un controllo limitato su quello che avviene in questi dispositivi personali. Inoltre se l’oggetto è “infettato”, gli hacker lo utilizzeranno per accedere ai dati della compagnia.

A fronte di questa situazione, sono molte le società che hanno bandito il Byod perché, in certi casi, ha rappresentato vulnerabilità in materia di sicurezza, tenendo anche in considerazione il numero molto alto di dispositivi rubati e mai più recuperati.

Rigide politiche sulla sicurezza possono arginare danni che potrebbero compromettere il presente e il futuro di una società, ma cosa può essere fatto di concreto?

La premessa è che le società debbano avere ancora più consapevolezza sui rischi sulla Byod.

Con l’avvento della 5G, la nuova rete mobile 20 volte più veloce dell’attuale 4G, ci saranno nuovi pericoli per i sistemi informatici delle piccole, medie e grandi aziende. Risulta quindi di fondamentale importanza provvedere alla sicurezza aziendale. IES Italia conosce a fondo i rischi di una navigazione non protetta in ambito anziendale, per questo motivo ha ideato e sviluppato, in concerto con l’azienda Ntop, IVO, il dispositivo cybersecurity e parental control. A guidare l’ambizioso progetto è stata la consapevolezza di vivere in un ecosistema digitale sempre più complesso e insidioso. Il risultato è IVO, il dispositivo che scherma tutti gli aspetti negativi della rete e restituisce alle persone che lo acquisteranno una navigazione sicura e piacevole.
Scopri di più su IVO. Visita il sito e resta aggiornato sulle funzionalità in arrivo.

#internet

#internet addiction

#IVO

#parental control

#sicurezza informatica

#rete domestica

#sicurezza web

#cybersecurity

#ransomware

#virus

#malware

#cyber attack

#Petya

#WannaCry

#Cryptolocker

#Locky

#home banking

#SS7

#Signaling System 7

By IES Team